Prossima gara: 5 Dicembre 2020 | Jesolo Endurance Series

Summer Series: un’altra buona top 10

  1. Home
  2. Racing
  3. Summer Series: un’altra buona top 10
Marco al telefono - Pomposa Endurance Summer Series, 10 ottobre 2020

La gara conclusiva della serie estiva si è tradotta in un’altra top 10, consolidando la posizione in campionato

Fuel our passion

Sabato 10 ottobre sul Circuito di Pomposa si è conclusa la Pomposa Endurance Summer Series, la serie estiva caratterizzata da 5 gare endurance di due ore al sabato sera.

© Stefano Chiarello / Pomposa Endurance

Come nelle altre prove abbiamo schierato il duo Andrea Turato – Marco Dal Pezzo, aiutati ai box da un Luca Dal Grande che sta crescendo molto come team manager.

Le qualifiche sono state disputate da Andrea, che ha ottenuto un ottimo ottavo tempo (su 32 team) a solo 0,3″ dalla pole position.

© Stefano Chiarello / Pomposa Endurance

La gara poi è trascorsa regolarmente, senza commettere errori o incidenti: l’ottima gestione del passo gara e delle soste si è tradotta in un settimo posto finale, concludendo nel giro dei leader. Primi sotto la bandiera a scacchi sono transitati il team Infinity seguito da PFV e Nutria 46.

© Stefano Chiarello / Pomposa Endurance

Con questo risultato ci siamo garantiti il settimo posto assoluto nella serie estiva; con un po’ più di fortuna, specialmente nella terza prova, avremmo potuto ottenere qualcosa di più; nonostante questo, siamo molto soddisfatti del nostro risultato viste la quantità e qualità degli avversari.

© Stefano Chiarello / Pomposa Endurance

Ora che si avvicina l’inverno continueremo a disputare circa una gara al mese, ma non abbiamo ancora deciso a quali competizioni prenderemo parte. Quasi certa, però, è l’iscrizione alla 6 ore di Jesolo del 5 dicembre, che rappresenterà probabilmente la gara conclusiva di questa strana stagione 2020.

© Stefano Chiarello / Pomposa Endurance

Fuel our passion

Prossima gara

Jesolo Endurance Series

5 Dicembre 2020

Pista Azzurra, Jesolo (VE)

Articolo precedente
Winter Series: un’odissea durata 6 ore
Articolo successivo
Cambi kart: ritorniamo sulla questione
Menu