Racing

Tempo di lettura: 4 minuti

Nel retrovisore: stagione 2021

  1. Home
  2. Racing
  3. Nel retrovisore: stagione 2021

Cosa ci è piaciuto e cosa non ci è piaciuto di questa stagione appena conclusa

Qui parliamo di: , , , , , , , , , , , , , , ,
Prossima gara
  • 18 Giugno 2022

    Pomposa Endurance Summer Series

    Circuito di Pomposa, Comacchio (FE)


La stagione 2021 si è chiusa ormai da qualche settimana ed è tempo di trarre un po’ di conclusioni.

Cosa ci è piaciuto

L’arrivo di Mattia Mizzon

Era da qualche anno che gli facevamo la corte, e alla fine del 2020 il Mizzon ha deciso di provare a fare qualche endurance vera; in poche gare Mattia ha saputo portarsi al passo con gli altri, iniettando nel team tanto entusiasmo e voglia di fare bene divertendosi. Dopo questo primo anno di rodaggio Mattia Mizzon è, a tutti gli effetti, un pilota Cinisio Racing!

Tornare a schierare due team

Avere due team in gara è sempre un buon segno: l’abbiamo fatto sabato 19 giugno con un team a Lonato e un team a Pomposa, e domenica 3 ottobre al Misanino dove Cinisio Racing e The Mello Yellos sono scesi in pista nella 4 ore.

Correre su piste nuove

Erano anni che non correvamo a Lonato e Misano: dal 2017 e dal 2016 rispettivamente, perciò per noi ha significato riscoprire – con immenso piacere – questi due circuiti. Senza nulla togliere a VKI, Pomposa e Lignano, dove ormai abbiamo messo le radici, è sempre interessante uscire dalla routine e cimentarsi su tracciati (e con organizzatori) diversi.

Marco Cortesi

Con Marco ci conoscevamo poco più che di vista, e sapevamo che è un grande appassionato di motori nonché un operatore del settore. Così, quando ci ha contattato per chiederci se avevamo un posto come pilota per qualche competizione non ci siamo lasciati scappare l’occasione e l’abbiamo coinvolto in un paio di gare… e non saranno sicuramente le ultime.

Tornare alla 500 miglia di Pomposa

Partecipare a gare importanti è sempre emozionante e, nonostante mille peripezie, siamo riusciti a tornare nello schieramento di questa importante gara. Non solo, abbiamo anche portato a casa il miglior risultato possibile nella nostra condizione: 14^ piazza finale e record di velocità assoluto nelle soste ai box.

Una menzione speciale per questo risultato va a Stefano Lelli, all’amico Nicola Mischeri (che dopo tanto tempo siamo riusciti a organizzarci per farlo correre con noi), e al duo Denis – Giulia che ai box è stato semplicemente impeccabile.

Il team

La squadra quest’anno è stata più forte e unita che mai, e ha messo in scena una delle stagioni più belle della sua storia.

Oltre a chi abbiamo già citato dobbiamo ricordare il duo Andrea Turato – Marco Dal Pezzo che ha fatto faville nella Summer Series di Pomposa Endurance, il ritorno di Stefano Pasquale che a Lonato ha tirato fuori un passo mostruoso, Giovanni e Marco Antonello sempre con un ottimo passo e delle soluzioni tecniche innovative, e la volontà di Luca di essere della partita e mettersi in gioco, sia come pilota che come team manager, così come la comparsata di Stefano Tregnaghi come team manager a Lignano. E naturalmente il buon Marco “Cinisio” che gestisce un po’ tutta l’orchestra.

Cosa non ci è piaciuto

La paura di lasciare la tradizione

Sul piano organizzativo ci piacerebbe qualche cambiamento sulla gestione delle gare, tipo

  • abbandonare il sorteggio elettronico, che lascia troppo spazio a teorie complottiste;
  • eliminare le categorie, dal momento che ci sono “amatori” più veloci dei pro;
  • cambiare sistema di sorteggio, passando ad esempio alla singola corsia o, meglio ancora, eliminando il cambio kart.

Un po’ più di serietà

Ci sono dei temi su cui siamo inflessibili e… inascoltati; per questo continuiamo a insistere su:

  • una gestione più seria delle gare: chi – come noi – cerca di essere più corretto possibile finisce per rimetterci in ogni gara, finché qualcuno non si farà male per davvero. Ok che motorsport is dangerous, ma questo non solleva il direttore di gara dal suo compito;
  • una gestione più seria della sicurezza: in ogni briefing si spiegano le solite cose, ma nessuno sa mai come comportarsi in caso di safety car (questa sconosciuta), o di infortunio in pista, ad esempio.

Nota di merito ai circuiti dotati di videosorveglianza su tutto il tracciato e che applicano in modo inflessibile il regolamento (e su questo una menzione di merito a Lignano va fatta).

I numeri

Consapevoli che non si può sempre crescere, dopo 6 anni di crescita continua il 2021 ha segnato un leggero passo indietro rispetto al 2020 ottenendo comunque degli ottimi risultati: top 5 nella Pomposa Endurance Summer Series, qualificazione ai Pomposa Endurance Awards, 34° posto SWS nazionale (su 341 team, secondo campionato più numeroso al mondo) e 158° mondiale (su 2364) con 5542 punti totalizzati e 12 gare disputate, con una posizione media di 10,8.

Non male, in poche parole siamo tra il 10% dei team più forti d’Italia e tra i 6% più forti al mondo.

L’arroganza

Stiamo tutti facendo la nostra gara, eppure ci sono team ormai tristemente famosi – e tra questi, purtroppo, anche qualcuno di quelli sempre davanti – che non hanno capito un paio di cose. Ve le spieghiamo:

  • Nessuno ha il diritto di spedire fuori gli altri, anche se chi è davanti non si è accorto che lo state doppiando; anche se chi è davanti vi ha spedito fuori (per quello dovrebbe esserci il direttore di gara);
  • Il fatto che tu corri per il team Tizio non è un “dare la precedenza” per tutti gli altri team in gara. Le posizioni si conquistano coi sorpassi puliti, e basta;
  • Quando si compie un sorpasso è bene lasciare lo spazio all’avversario, non siete obbligati a spedirlo fuori;
  • Ai box si può essere gentili, salutare, chiedere come va… Ok, non siamo diventati piloti professionisti ma dopo più di dieci anni nell’ambiente vi assicuriamo che non fa male.

Detto questo, il bilancio della nostra stagione 2021 è stato nettamente positivo: abbiamo ottenuto ottimi risultati, conosciuto persone nuove e messo in archivio tanti bei ricordi.

A breve vi informeremo sui nostri piani per il 2022, siamo carichissimi per tornare in pista e sta per arrivare qualche novità!

Articolo precedente
Pomposa Endurance Awards: una gara coi migliori
Articolo successivo
Pizeta Express è partner Cinisio Racing per la stagione 2022
Menu