Racing

Tempo di lettura: 3 minuti

7h Champions Trophy: una top 10 sudata

Andrea Turato con il casco nuovo

Un risultato a momenti insperato, mentre percorrevamo due volte su e giù la classifica

Qui parliamo di: 7h, Andrea Turato, Champions Trophy, Lignano Circuit, Luca Dal Grande, Marco Dal Pezzo, Marco Sinico, Mattia Mizzon, SWS
Prossima gara
  • 20 Luglio 2024

    Pomposa Endurance Summer Series

    Circuito di Pomposa, Comacchio (FE)


Sabato 4 giugno siamo tornati ad una gara ufficiale dopo la 24 ore IRK di Arce. In realtà, nel frattempo, non siamo stati con le mani in mano ma abbiamo partecipato ad un evento, la Kart Endurance, che merita un discorso a parte. Tornando a noi, Sabato abbiamo disputato la 7 ore Champions Trophy al Lignano Circuit, gara conclusiva dell’omonimo campionato disputato tra le piste di Lignano e Lonato (trofeo del quale abbiamo disputato il secondo appuntamento a marzo).

© Luca Formiga / Lignano Circuit

La squadra schierata è stata composta dai piloti Mattia Mizzon, Marco Dal Pezzo, Marco Sinico e Andrea Turato, di ritorno alle gare per la prima volta nel 2022, capitanati ai box da Luca Dal Grande. Ad aspettarci sul tracciato friulano c’erano altri 23 equipaggi, e una temperatura da subito torrida nonostante il vento moderato.

Le prove libere e le qualifiche, anche stavolta, sono state dedicate a riprendere confidenza con una pista che non calcavamo da un po’. Marco Dal Pezzo in qualifica ha mostrato un passo in costante miglioramento, ma la mancanza di un trenino che lo potesse trainare con le scie ci ha costretto ad accontentarci della 21^ piazza in partenza ad 1,3″ dalla pole position.

© Luca Formiga / Lignano Circuit

Andrea Turato al via, nonostante una scivolata salendo sul kart che gli è costata un bel livido sulla schiena, è riuscito a risalire fino alla 14^ posizione. La gioia è durata poco però: con il passare dei giri e dei cambi pilota abbiamo cominciato a perdere terreno, fino a ritrovarci in penultima posizione a metà gara senza veramente capire il perché di tutta questa difficoltà. Nel frattempo il lavoro ai box è stato sempre impeccabile, con una serie di soste perfette e cercando di tenere alto il morale del gruppo in un momento tutt’altro che facile.

Passato il giro di boa le cose hanno cominciato a svoltare: complice forse il calo delle temperature, e le strategie altrui, abbiamo cominciato a rimontare via via posizioni fino ad issarci in 14^ posizione su 24. Ed è stato così che abbiamo concluso la gara, sapendo però che il regolamento della serie aveva tratto in inganno alcuni team avversari, e dunque sarebbe arrivata per qualcuno la tagliola delle penalità post-gara.

© Luca Formiga / Lignano Circuit

E infatti così è stato: mentre Red Racing piazzava una doppietta davanti al NAC Team, con la nostra condotta impeccabile e gli errori altrui abbiamo conquistato la decima piazza!

Un risultato di cui siamo davvero felici, visto il livello degli avversari – agguerriti ed allenati – e considerando che non correvamo a Lignano da nove mesi.

La storia del giorno

Purtroppo Andrea Turato non è più potuto venire in gara con noi dalla fine del 2021, ma Sabato oltre a sfoggiare un bellissimo casco nuovo il ragazzo – come al suo solito – si è ripreso molto velocemente, facendo registrare il record del team con un 1.03,503 a solo 0,2″ dal record della gara.

Questo evidenzia ancora una volta il suo talento: può stare fermo mesi, ma dopo pochi giri è subito al passo con i più veloci.

© Luca Formiga / Lignano Circuit
Articolo precedente
24h IRK Arce: un’esperienza di vita
Articolo successivo
Summer Series: un’altra top 10